il Quaderno di Saramago

Al lupo, al lupo!

Posted in quaderno di Saramago by massimolafronza on 24 marzo 2009

di José Saramago

La storia, di solito raccontata dal nonno di famiglia, era infallibile durante le serate di provincia, non come semplice divertimento dei piccoli innocenti, ma come opera fondamentale di un buon sistema educativo, precursore, in qualche modo, del giuramento con cui i testimoni si rivelano, o rivelano, per essere sinceri, tutta la verità e nient’altro che la verità. Il dubbio che mi resta è dovuto soltanto al fatto che io non sono un frequentatore di tribunali, la mia curiosità  sulle diverse manifestazioni della natura umana non mi ha mai portato a ficcare il naso nella vita altrui, fosse anche il più grande criminale del secolo. Carattere. Ora, la storia del nonno raccontava di un giovane pastore di pecore che, forse per far passare le sue solitarie ore sul monte, decise un giorno di gridare “al lupo, al lupo”, di modo che la gente della campagna, armata di bastoni, spranghe e qualche carabina della penultima guerra, uscisse di corsa per difendere le pecore e, sulla strada, il pastore che le sorvegliava. Alla fine il lupo non c’era, era scappato per le grida, disse il ragazzo. Non era vero, come menzogna,  però, era abbastanza convincente. Soddisfatto dal risultato della sua mistificazione, il nostro pastore decise allora di ripetere lo scherzo e, ancora una volta, i contadini risposero in massa. Ma niente, del lupo neanche l’ombra. La terza volta, però, nessuno mosse un piede fuori casa, si era capito che il pastore mentiva con tutti i denti che aveva nella bocca, gridi pure, si stancherà. Il lupo prese le pecore che voleva, mentre il ragazzo, abbarbicato su un albero, assisteva impotente al disastro. Nonostante il tema di oggi non sia questo, colgo l’occasione per ricordare le volte in cui molti di noi gridano “al lupo, al lupo!”. Erano molti di più quelli che negavano l’arrivo del lupo, ma alla fine è venuto e portava una parola sul collare: crisi.

Vedremo cosa succederà dopo la recente notizia che sono in molti, moltissimi, i portoghesi che hanno deciso di imparare lo spagnolo e prendono molto sul serio questa decisione. Temo, però, che i patrioti delle abitudini cominceranno a gridare che arriva il lupo. D’accordo, qualcosa  arriva, ed è la necessità di avvicinamento dei popoli della penisola, questi di qui e quelli di là. La Storia, quando vuole, accelera molto.

Advertisements

Commenti disabilitati su Al lupo, al lupo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: